Notizie

28 giugno 2010

Jean-Jacques Rousseau nasceva il 28 giugno

Filed under: Generale — notizie @ 08:12

Il 28 giugno 1712 nasce a Ginevra il filosofo svizzero di lingua francese Jean-Jacques Rousseau, uno dei più celebri e influenti pensatori dell’Illuminismo francese. Cresciuto con uno zio materno alla morte dei genitori, conduce una vita disordinata ed errabonda, praticando diversi mestieri: precettore a Lione (1740), copista di musica a Parigi (1741), segretario a Venezia (1743) del signore di Montaigu, ambasciatore del re di Francia. Ritornato a Parigi (1744) dopo un litigio con il diplomatico, Rousseau fece rappresentare con successo in una casa privata la sua opera lirica Le muse galanti (1745), divenne segretario di una dama del gran mondo e fu da questa presentato a Madame d’Epinay (1749). La protezione di quest’ultima gli schiuse le porte dei salotti alla moda, mentre l’amicizia di Diderot, su invito del quale scrisse alcune voci di argomento musicale per l’Enciclopedia, stimolò il suo pensiero alla meditazione filosofica. Nei due Discorsi del 1750 e del 1754 Rousseau svolge una critica morale della società contemporanea, giudicata falsa e corrotta, avida, ambiziosa, tesa alla sopraffazione. Rousseau sostiene che tali mali non sono connaturati all’uomo, bensì connessi alla disuguaglianza economica. Alla società coeva egli opponeva uno stato di natura in cui gli uomini vivevano “liberi, sani, buoni e felici”. In tal modo, Rousseau si contrappose agli altri illuministi, in quanto all’ottimismo scientifico e filosofico di questi sostituiva una visione morale fondata sui valori dell’interiorità e sulla considerazione dello stato presente come condizione di decadenza e di corruzione rispetto a uno stato originario. Con “Il contratto sociale” (1762), R! ousseau delineò un modello di convivenza politica in cui l’individuo, pur obbedendo alla legge, non cessava però di essere libero, poiché la legge, anziché essere espressione dell’arbitrio di un sovrano assoluto, esprime la volontà generale, quindi, obbedendo a essa, l’individuo obbedisce a se stesso, poiché l’io di ciascuno si identifica con l’io di tutti.

23 maggio 2010

Strage di Capaci: 23 maggio 1992

Filed under: Generale — notizie @ 08:45
Tags:

Il giudice Giovanni Falcone e la sua scorta vengono massacrati da un’esplosione nella Strage di Capaci. Falcone stava tornando, come era solito fare nei fine settimana, da Roma. Il jet di servizio partito dall’aeroporto di Ciampino intorno alle 16:45 arriva a Punta Raisi dopo un viaggio di 53 minuti. Lo attendono tre autovetture gruppo di scorta sotto comando del capo della squadra mobile della Polizia di Stato. Le auto lasciano l’aeroporto imboccando l’autostrada in direzione Palermo. La situazione appare tranquilla, tanto che non vengono attivate neppure le sirene. Su una strada parallela, una macchina si affianca agli spostamenti delle tre Croma blindate, per darne segnalazione ai killer in agguato sulle alture sovrastanti il litora le; sono gli ultimi secondi prima della strage. Otto minuti dopo, una carica di cinque quintali di tritolo posizionata in un tunnel scavato sotto la sede stradale nei pressi dello svincolo di Capaci-Isola delle Femmine viene azionata per telecomando dal sicario incaricato da Totò Riina. La detonazione provoca un’esplosione immane ed una voragine enorme sulla strada. In un clima irreale e di iniziale disorientamento, altri automobilisti ed abitanti dalle villette vicine danno l’allarme alle autorità e prestano i primi soccorsi tra la strada sventrata ed una coltre di polveri.

19 maggio 2010

Jacqueline Kennedy muore il 19 maggio 1994

Filed under: Generale — notizie @ 07:25
Tags: ,

Jacqueline Lee Bouvier conosciuta al mondo come Jacqueline Kennedy si è spenta a New York il 19 maggio 1994. Era nata a Southhampton il 28 luglio 1929 ed aveva studiato a New York e in Virginia. Nel periodo degli studi scrive novelle e romnzi corredandoli di illustrazioni. In occasione dei suoi diciotto anni viene eletta “Debuttante dell’anno” per la stagione 1947-1948. E come studentessa del Vassar College ha occasione di viaggiare molto e di passare un lungo periodo a Parigi. Nel 1951 si laurea in belle arti alla G. Wasinghton University. Nel 1952 viene assunta dal “Washington Times-Herald” prima come fotografa e poi come redattrice. Le viene commissi onata un’intervista al senatore John F. Kennedy ed è un vero e proprio colpo di fulmine: l’anno successivo, precisamente il 12 settembre del 1953, i due si sposano. L’8 novembre del 1960 John Kennedy viene eletto 35° presidente e sua moglie Jacqueline diventa una delle più giovane first lady della storia, ammirata da tutti per la bellezza, la cultura, la grazie e l’eleganza. Nel tragico attentato del 22 novembre 1963 Jackie è seduta accanto al marito quando questi viene ucciso da un colpo di d’arma da fuoco e compostamente ed elegantemente lo accompagnerà nell’ultimo viaggio. Nel 1968 sposa l’armatore greco Aristotele Onassis, che morirà nel 1975 lasciandola di nuova vedova. Jackie Bouvier collabora con diverse riviste in qualità di esperta di arte Egiziana e letteratura, fino alla sua morte.

27 gennaio 2010

Giornalista del Mediterraneo 2010 2a edizione

Filed under: Generale — notizie @ 11:21

Riceveranno il Premio “Caravella del Mediterraneo” i giornalisti Toni Capuozzo, inviato di guerra e vice direttore del TG5; Domenico Nunnari, vice direttore del TGR; Antonio Fatiguso dell’Ansa di Tokyo; Gina Di Meo, giornalista di guerra freelance; Arcangelo Moro, fondatore e primo direttore in Kosovo di Radio West

BARI – La Puglia, da sempre cardine di un costante interscambio tra molteplici culture, con la prevista istituzione dell’Area di Libero Scambio del Mediterraneo” vedrà incrementare ulteriormente quel ruolo di laboratorio interculturale tra i numerosi paesi che sulle sponde del Mediterraneo vi si affacciano, paesi che aspirano alla valorizzazione delle differenze storiche, linguistiche e culturali.

In questa prospettiva si svolgerà la seconda edizione del Concorso Internazionale “Giornalisti del Mediterraneo”, promosso dall’Associazione “Terra del Mediterraneo. Arte, cultura e Comunicazione” L’evento gode del patrocinio dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo, del Ministero delle politiche Europee, dell’Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia, del Segretariato Sociale Rai e di AnsaMed, oltre al patrocinio delle Ambasciate di Spagna, Turchia, Polonia, Portogallo, Ungheria, Cipro, Svezia e Slovacca, nonché, di Università italiane, Centri Culturali e Istituzioni regionali, nazionali e internazionali.

“Alla prima edizione – spiega Tommaso Forte, Giornalista e Presidente dell’Associazione “Terra del Mediterraneo” e ideatore del Concorso – sono giunti oltre 120 lavori provenienti da tutta Europa e dall’area Mediterranea. Molti sono arrivati dalla Turchia, dalla Romania, dal Portogallo e dall’Albania. Quest’anno contiamo di migliorare i risultati dello scorso anno. La professione giornalistica è in forte evoluzione, anche i “ferri del mestiere” sono cambiati, per questo abbiamo voluto istituire una sezione volta a valorizzare le giovani firme del giornalismo, più avvezze all’uso della rete e delle nuove tecnologie, quelle che permettono ai repoter di divulgare le notizie in tempo reale e quindi anche in maniera più utile, come nel caso delle calamità naturali”. E’ possibile scaricare il bando dal sito http://www.terradelmediterraneo.it e chiedere informazioni chiamando il numero 346.82.62.198.

Il concorso si articolerà in quattro sezioni: Missioni di Pace dell’Italia all’Estero; Solidarietà, Soccorso e Impegno Civile; Immigrazione, Integrazione, Accoglienza; Giovani Talenti e Web.

Nell’ambito della manifestazione, riceveranno il Premio “Caravella del Mediterraneo” i giornalisti Toni Capuozzo, inviato di guerra e vice direttore del TG5; Domenico Nunnari, vice direttore del TGR; Antonio Fatiguso dell’Ansa di Tokyo; Gina Di Meo, inviata di guerra freelance; Arcangelo Moro, fondatore e primo direttore in Kosovo, durante la missione Joint Guardian, di Radio West la prima emittente radiofonica nella storia delle Forze Armate Italiane. Il Premio “Caravella del Mediterraneo” rappresenta l’incrocio dei mari e delle culture del Mediterraneo, protagonista millenario di scambi commerciali, linguistici e sociali tra Oriente ed Occidente.

Presidente della Giuria sarà Lino Patruno, editorialista de La Gazzetta del Mezzogiorno.

30 marzo 2009

L’Italia delle regioni a Slow Fish 2009 – La Sicilia

Filed under: Generale — notizie @ 17:13

Torna dal 17 al 20 aprile 2009 Slow Fish, organizzato da Slow Food e Regione Liguria, con il sostegno di Città di Genova, Provincia di Genova, Fondazione Carige, Camera di Commercio di Genova, in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. La manifestazione internazionale a cadenza biennale totalmente dedicata al mondo ittico e alle sue problematiche, giunta alla quarta edizione, quest’anno è allestita in uno spazio dal grande fascino: il nuovo padiglione della Fiera di Genova affacciato direttamente sul mare e progettato dall’architetto Jean Nouvel. http://www.slowfish.it L’Italia delle regioni a Slow Fish 2009 I sapori della Sicilia I Laboratori del Gusto, iniziative ideate per far conoscere l’eccellenza della produzione artigiana nazionale, presentano abbinamenti e degustazioni illustrati direttamente da esperti, produttori, pescatori, artigiani e viticoltori. Sei laboratori coinvolgono alcuni prodotti siciliani : * Sab 18 h. 13.00, Presìdi di mare, d’acqua dolce e di terra. Con una bruschetta a base di aglio rosso di Nùbia, olio extravergine di oliva minuta di Sicilia e sale di Cervia, si accompagna la tinca gobba dorata di Poirino in carpione e la masculina da magghia sott’olio. In abbinamento i vini della cantina Donnafugata di Marsala (Tp). * Sab 18 h.16.00, I pescatori della comunità di Lira. Durante questo Laboratorio si può conoscere e assaggiare i frutti del mare della Galizia (Spagna) in abbinamento con i vini della cantina Firriato di Paceco (Tp). * Sab 18 h.19.00, I pescatori di Cabras e delle lagune del Golfo di Oristano. Una carrellata di prodotti derivati dal cefalo (o muggine) : bottarga con il pane carasau, filetto affumicato e mrecca, cefalo conservato secondo una ricetta antichissima. In abbinamento i vini della cantina Duca di Salaparuta di Casteldaccia (Pa). * Dom 19 h.13.00, Non è la solita zuppa. La zuppa di pesce ha la capacità di riportare alla mente luoghi familiari e ricordi speciali. A una panoramica delle più caratteristiche zuppe, vengono abbinati tre vini rossi della cantina Settesoli di Menfi (Ag). * Dom 19 h.16.00, La cinta senese e il Mar Ligure. In questo Laboratorio, il pescato del Mar Ligure incontra i prelibati salumi toscani di cinta senese in abbinamento con i vini della cantina Tasca d’Almerita di Sclafani Bagni (Pa). * Lun 20 h.13.00, Ecoscandaglio del Gusto : il sale e il pesce. I sapori siciliani vengono esaltati da Carmelo Chiaramonte, uno dei maggiori conoscitori e interpreti del sale abbinato al pesce. Ventitrè Presìdi (quindici italiani e otto internazionali) accompagnano il visitatore. Si possono assaggiare e comprare i loro prodotti, ma soprattutto conoscere le aree di provenienza e le tecniche di pesca grazie a mostre fotografiche e documentari video e alla straordinaria possibilità di incontrare personalmente i pescatori, parlare con loro, fare domande, capirne fino in fondo la realtà e la fatica quotidiana. A Slow Fish 2009 la Sicilia porta tre tra i suoi Presìdi storici: l’aglio rosso di Nùbia, il cappero di Salina e la masculina da Magghia. L’aglio rosso di Nùbia viene confezionato in trecce molto grandi (di cento teste ciascuna) e appeso ai balconi oppure sistemato in cantine o magazzini. Nella cucina trapanese è ingrediente cardine di alcune delle preparazioni tipiche più importanti come la pasta con il pesto alla trapanese o il celebre cuscus di pesce. Il cappero di Salina si caratterizza per compattezza, profumo e uniformità. Particolarmente importante il primo di tali fattori: un bocciolo compatto, infatti, è una garanzia di durata nel tempo (il cappero dell’isola sotto sale si conserva fino a due-tre anni). La masculina da Magghia si vende fresca sul mercato catanese di piazza Pardo (‘a Piscaria) oppure viene messa sotto sale. La tecnica di salagione è la stessa di tutto il Mediterraneo, ma qui esiste una preparazione assolutamente unica, inventata dai pescatori catanesi per sfamarsi durante le molte ore trascorse in mare : si tratta di una conserva fatta con pezzetti di alici e con le teste che rimangono impigliate nelle maglie della menaide. Il cibo, nelle manifestazioni di Slow Food, è sempre fonte di esperienze nuove sia sensoriali che didattiche. Le Isole del Gusto, spazi dedicati alla degustazione in piedi di singoli piatti, e le Osterie del Mare, aree più grandi dove consumare pasti completi e assistere a presentazioni e attività didattiche, hanno l’intento di far conoscere i propri prodotti, la Sicilia partecipa proponendo ricette e specialità regionali. Il cibo di strada rappresenta la più antica e autentica forma di ristorazione legata al territorio e in Italia è correlata con le specialità regionali: dalle focacce liguri agli arancini siciliani, dal lampredotto fiorentino alle olive all’ascolana marchigiane, alla pizza campana, si attraversa tutta la penisola. Perché Slow Food non è contrario al cibo veloce tout court se preparato con ingredienti genuini. Dopo il successo riscosso al Salone del Gusto, per la prima volta a Slow Fish arrivano le Cucine di strada, ovviamente con specialità legate al mondo del mare. Sono cibi semplici, da consumare in piedi, passeggiando fra gli stand del Mercato o guardando le barche dei pescatori dal nuovo padiglione costruito sul mare. Da Palermo la focacceria S. Francesco propone le sarde allinguate, a beccafico, polpettine di sarde, polpo in umido. Il mercato, la piazza di Slow Fish, è un luogo dove conoscere, ascoltare, imparare e acquistare prodotti ittici e affini, riflettendo su abitudini e pratiche quotidiane che affondano le loro origini nella tradizione popolare. Tra le bancarelle del pesce fresco si può trovare il miglior pescato del giorno. Qui ha luogo quotidianamente la tradizionale asta del pesce, animata dai pescatori stessi, che permette al pubblico di aggiudicarsi ottima materia prima per le proprie ricette. Nello stesso settore si trova anche un’ampia zona dedicata al pesce conservato sott’olio, in salamoia o sotto sale proveniente da diverse realtà, italiane ed estere, selezionate secondo attenti parametri qualitativi. Nel vasto spazio dedicato all’olio extra vergine di oliva si possono scoprire e apprezzare, oltre all’olio, quei prodotti, quali ad esempio il sale, che da sempre in cucina accompagnano ed esaltano il sapore del pesce. Conservati * Licata Paolo Villa Reale, Sciacca (Ag), B78 * Presidio Cappero di Salina, Salina (Me), B45 * Presidio Masculina da Magghia, Catania, B43 Olio * Az. Agr. Planeta, Menfi (Ag), B79 * Aziende Agricole Scyavuru, Ribera (Ag), B77 Promozione territoriale * Provincia Regionale di Messina, Messina, S09-S10 * Provincia Regionale di Trapani, Trapani, S18 * Regione Sicilia, Palermo, D09 B80 – B81- B82 Sali, spezie * Presidio Sale di Trapani, Trapani, B44

23 marzo 2009

“La solidarietà. Una tappa da vincere”

Filed under: Generale — notizie @ 12:31

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE
LOTTERIA NAZIONALE
“La solidarietà. Una tappa da vincere”
Campidoglio – Sala della Piccola Protomoteca –
Roma, mercoledì 25 Marzo 2009 ore 11.00
Modera il Direttore de “Il Tempo” Giuseppe Sanzotta

Mercoledì 25 Marzo 2009 alle ore 11.00 in Campidoglio – Sala della Piccola Protomoteca – FIABA Onlus (Fondo Italiano Abbattimento Barriere Architettoniche) terrà una conferenza stampa di presentazione della Lotteria Nazionale 2009 “La solidarietà. Una tappa da vincere”.
Interverranno il Sindaco di Roma On. Giovanni Alemanno, il Sottosegretario al Ministero dell’Economia e Finanze On. Alberto Giorgetti, il Delegato del Sindaco di Roma alle Politiche della Disabilità On. Antonio Guidi. Il Presidente di FIABA Onlus Comm. Giuseppe Trieste aprirà la conferenza illustrando gli obiettivi della terza partecipazione di FIABA alla Lotteria Nazionale. Prenderanno la parola, in qualità di partner nella Lotteria, il Direttore del Ciclismo e portavoce di RCS Sport Dott. Angelo Zomegnan, il Responsabile Comunicazione della Fondazione Abio Onlus Dott. Eugenio Bernardi. Interverranno i rappresentanti di AAMS (Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato) e di Lottomatica S.p.A.
La missione di FIABA Onlus è ri-progettare l’ambiente sui principi dell’Universal design, assicurando a tutti pari opportunità di partecipazione alla vita sociale ed economica. L’estrazione della Lotteria Nazionale è prevista per il 21 Luglio 2009. La conferenza stampa sarà moderata dal Direttore del quotidiano Il Tempo Dott. Giuseppe Sanzotta.

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: